I dolori ossei e articolari

Cura Dolore Terapia Dolore

Oltre ai dolori muscolari e reumatici, di cui si è parlato in un dossier a parte, ci sono i dolori ossei e articolari, ossia l'osteoporosi (dolore osseo) e le fratture e l'artrosi (dolori articolari).

L'osteoporosi, che colpisce soprattutto le donne in menopausa, si accompagna inevitabilmente al procedere dell'età e, in pratica, tutti gli individui oltre i 50 anni, hanno un certo grado di osteoporosi. Anche se è una malattia che si evidenzia nella terza età, affonda le sue radici nell'età dello sviluppo: una mancata "saturazione" del tessuto osseo nei primi venti anni di vita condizionerà l'evoluzione della malattia negli anni della vecchiaia. Può essere accelerata anche da un'insufficiente introduzione di calcio e di minerali con la dieta.

La frattura, ossia l'interruzione nella continuità di un osso, può essere causata da sollecitazioni che provocano la frattura a causa di malattie che rendono l'osso più fragile. Sebbene la frattura produca in genere tumefazione e dolore acuto, alcune fratture lievi o parziali dell'osso (per esempio le fratture da stress) possono causare dolore progressivamente nei giorni successivi. Pertanto, qualora compaiano certi sintomi nei giorni successivi a un trauma è necessario eseguire degli accertamenti specifici per verificare lo stato delle ossa.

L'artrosi è una malattia che lentamente distrugge la cartilagine, un tessuto liscio e flessibile che avvolge le ossa delle articolazioni, permettendo loro di scivolare senza attriti l'una sull'altra. Ma non si tratta solo di uno degli inevitabili acciacchi della vecchiaia: ne soffrono infatti anche persone giovani, al di sotto dei 40 anni. Il processo è lento ma irreversibile: pian piano la cartilagine si assottiglia, poi si fessura. Con l'andare del tempo, anche l'osso inizia ad alterarsi.

Articoli correlati